Adam Kadmon
Adam Kadmon
on Google
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
È IMPORTANTE SAPERE che il coronavirus sopravvive fuori dal corpo umano e può infettare finchè resta attivo tant'è che il Ministero della #Salute ha appunto spiegato l'importanza del lavarsi le mani proprio per evitare che infettandosi le dita nel toccare oggetti infetti, si rischi di contagiarsi mettendosele poi in bocca, occhi e naso (o come ho spiegato nella mia lettera aperta anche orecchie e mucose genitali od anali).  Vi sono purtroppo alcuni medici che purtroppo persistono a non capire questo concetto, invece ben chiaro a loro colleghi italiani e a ricercatori esteri. Del resto già solo applicando la logica a ciò che si studia in virologia e microbiologia, appare CHIARISSIMO che il virus, viaggiando con le goccioline di saliva, se si depositasse sullo smartphone o sulla pulsantiera dell'ascensore o sulle banconote o sugli oggetti presenti in luoghi chiusi ed affollati (come un supermercato ecc.) possono contagiare proprio qualora si avvicini la bocca alla superficie contaminata (che siano dita, smartphone o cibo non correttamente cotto o altro oggetto).   Per questo nella mia Lettera Aperta fra le altre cose, supplico il Ministero della Salute di aggiungere al suo decalogo, che occorre detergere, oltre alle mani, anche la superficie della manopola del rubinetto proprio mentre ci si lavi. Altrimenti all'atto di richiudere tale manopola, potenzialmente infettata nell'aprirla, ci si rischia di reinfettare le dita, e portare quindi il virus nell'asciugamano, in casa, nel frigo, a tavola, sul cibo e ai familiari.   Ma non è tutto. Come vi avevo anticipato il virus sopravvive fuori dall'organismo fino a 9 giorni. Lo dimostrano infatti le ricerche della University Medicine Greifswald in Germania. Potete verificare la notizia anche dall'Ansa.   Ma indipendentemente dalla lunga durata della sua resistenza è IMPORTANTE che esperti e giornalisti INFORMINO CORRETTAMENTE la popolazione perchè mi risulta che addirittura, vi sia chi asserisce ERRONEAMENTE che il coronavirus NON sarebbe infettivo se finisce su uno smartphone. Il coronavirus risulta invece infettivo, tanto se finisce sulle dita, tanto se finisce sullo smartphone o altrove, nel momento in cui esso giunga nella bocca, nelle orecchie, nel naso, negli occhi o in altre mucose. NON sono un medico ma studio in continuazione su testi aggiornati, capisco quello che studio e ragiono proprio come da sempre invito anche Voi a fare, miei amatissimi lettori.   Ed infatti mentre io e Voi eravamo sereni e preparati con largo anticipo su come non contagiarci e non contagiare, siamo obbligati a patire adesso, tutti coloro che avendo avuto guide sbagliate e superficiali, appena improvvisamente, gli hanno detto che era arrivato questo coronavirus, hanno iniziato insensatamente ad assaltare i supermercati e in casi estremi anche ad aggredire ed insultare.  Ecco perchè il mio appello al Governo, al Ministero della Salute e agli Organi di Informazione è proprio di ascoltare quanto io, con tutti Voi, che siete sereni, li stiamo umilmente ma con determinazione pregando di mettere in pratica, proprio per arginare il contagio. Quindi allo scopo di aiutare tutti ad avere una buona e corretta informazione, riporto nuovamente la mia Lettera Aperta al.Ministero della Salute che invito sempre a rileggere e verificare nella assoluta correttezza dei contenuti su manuali di virologia e microbiologia e sugli esiti delle ricerche di esperti internazionali.   Grazie di Cuore a tutti coloro fra Voi che hanno sempre dato importanza ai miei valori educativi e alla loro correttezza, aiutandomi e aiutandoci reciprocamente a divulgare negli anni l'importanza di studiare, e vivere con serenità e maturita anche le situazioni più spiacevoli e preoccupanti come questa epidemia da coronavirus. So che secondo gli esperti internazionali, il 98% delle persone contagiate guarirà.  Ma se possibile vorrei provare a salvare la vita anche di quel 2% di persone che a causa dell'infezione, potrebbero avere complicazioni e rischiare di non farcela. Per questo ritengo importante integrare quel decalogo, così che rendendolo ancora più completo, si salvino anche le persone che hanno più probabilità di ammalarsi gravemente rispetto tutte le altre. Finché non sarà trovata una cura, il seguire le istruzioni su come non contagiarsi e non contagiare, resta la via più saggia percorribile.   La mia lettera aperta con tutto ciò che sto supplicando di includere proprio nella speranza di salvare dal contagio quel 2% trovate nei miei post precedenti, nel blog o nella mia pagina Facebook (è quella con oltre 170.000 iscritti). Siccome non è possibile inserire direttamente i link (Google post non consente link piu lunghi di 20 caratteri) per accedere direttamente alle pagine con la lettera aperta potete leggere il mio post precedente o entrare nel sito adamkadmon.it (dove potete leggere anche la mappa in tempo reale della diffusione coronavirus in Italia) e trovare ogni mio spazio web. Un ringraziamento particolare a tutti coloro che desiderano come me di informare correttamente per ridurre il contagio al fine di provare appunto a salvare anche a quel 2%. Ogni vita è importante! Grazie di esserci.  Un abbraccio,   Adam Kadmon… more
2 hours ago
Image from Adam Kadmon
Come ho spiegato anche nella mia lettera aperta al Ministero della Salute, fra le persone contagiate, il 98%, secondo le statistiche dovrebbe guarire spontaneamente. Ma vorrei che il contagio venisse arginato già appunto dando informazioni corrette proprio per proteggere anche quel 2% che gli esperti prevedono possa invece morire. Per me (e per tutti Voi), è infatti importante salvaguardare la vita di tutti, anche di anziani o persone con gravi problemi di salute pregressi o immunitari. Non sono cifre. Sono esseri umani che amano e con persone che gli vogliono bene 🌈❤  La lettera  la trovate nel mio blog. Google post, non consente di mettere link più lunghi di 20 caratteri per cui se voleste leggerla direttamente dal blog o sulla mia pagina facebook vi occorre entrare qui adamkadmon.it (dove trovate anche la mappa in tempo reale dei casi di coronavirus in Italia) e accedere poi alle pagine che desiderate. Per comodità ve la riporto anche qui:  LETTERA APERTA al #Ministero della Salute. Con umiltà ritengo necessario informarVi che il decalogo di 10 comportamenti da seguire per non infettarsi con il #coronavirus presente nel sito salute.gov.it è purtroppo incompleto.Tanto premesso, Vi prego nell'interesse di tutta la popolazione di aggiungere le seguenti informazioni mancanti al Vostro decalogo così da ridurre il contagio, nell'evenienza il #virus giunga in #Italia.   REGOLA 1 alla regola 1 va aggiunto che nel lavarsi perfettamente le mani, occorre anche lavare la manopola del rubinetto e il pulsante del dosatore del sapone liquido. La ragione è semplice. Nell'atto di aprire la manopola le dita possono portare virus e batteri sulla manopola stessa e sul tappo del dosatore. Se non si lavasse la manopola prima di richiuderla, si rischierebbe di reinfettare nuovamente la superficie delle dita con virus e batteri e di conseguenza portarli all'asciugamano, e nel resto della casa, fino al frigo, in cucina, sul cibo e di conseguenza a tutta la famiglia. Capite quindi quanto sia importante aggiornare la regola numero 1 per evitare che il contagio si espanda, nonostante le persone si lavino ugualmente bene le mani. Questa regola vale anche per chi avesse indossato i guanti. Ho visto medici ed infermieri, per fortuna non tutti, proprio di non detergere anche la manopola del rubinetto e di conseguenza di rischiare di reinfettarsi le dita con tutto ciò che ne potrebbe conseguire Ma non è tutto. E' facile imbattersi in vari ospedali, in medici ed infermieri che escono a fumare per strada in zoccoli da lavoro e camice. In questo modo si infettano le suole delle scarpe portandole poi all'interno dell'ospedale. Altri vanno addirittura al bar con camice verde, quello interventistico. In questo modo oltre a portare all'esterno eventuali virus che hanno addosso, ne possono acquisire di nuovi essendo i bar affollati (e ancor più gli ascensori) che poi rischiano di portare in sala operatoria. Non tutti ma molti medici ed infermieri si comportano in questo modo, tant'è che è facile documentarlo. Parimenti è facile documentare quanto tali medici ed infermieri, rispondono male quando gli si faccia notare che non devono uscire con zoccoli di lavoro per strada o andare al bar con camice interventistico. Queste gravissime negligenze, rischiano di provocare infezioni nei pazienti. Come si può sperare di contrastare una epidemia, quando oltre tali negligenze, vi sono appunto medici ed infermieri che ignorano o non si ricordano che devono lavare anche la manopola del rubinetto dopo averlo aperto con dita potenzialmente infette? Se già lo dimenticano loro, immaginate se possa ricordarlo o saperlo la restante parte della popolazione a maggior ragione quando non viene neppure spiegato nel vostro decalogo. Spero comprendiate ed apprezziate la ragione nonché l'importanza fondamentale di quanto vi sto comunicando, tanto più che le informazioni sopracitate valgono NON solo per prevenire infezioni da coronavirus ma anche quelle provocate da altri virus (ad esempio la diffusissima influenza) o quei batteri che troppo spesso sono responsabili, come ben sapete, proprio delle infezioni che a volte si contraggono in ospedale (oltretutto spesso antibiotico resistenti). So che esistono in tanti ospedali, circolari e volantini, ma le autorità competenti, devono vigilare per assicurarsi che tutto il personale le rispetti realmente, e provvedere ad intervenire, qualora vengano deliberatamente ignorate appunto da certi medici ed infermieri Stimo invece profondamente tutti coloro che nonistante pessimi esempi dai colleghi svolgono diligentemente la loro preziosa professione. Grazie di esistere e resistere.  REGOLA 3: alla regola 3 va aggiunto che oltre occhi, naso e bocca, non vanno toccate neanche le ORECCHIE. Ma non è tutto. Infatti siccome il virus passa da ogni mucosa ed apertura sull'epidermide, bisogna aggiungere sempre al punto 3 che le persone non devono toccarsi con mani infette neppure MUCOSE GENITALI o ANALI. Molte persone infatti quando vanno al bagno per espletare i loro bisogni al più si lavano le mani dopo essersi toccati i genitali, quando dovrebbero farlo invece anche prima, proprio per non infettarsi. I maschi, per struttura anatomica, hanno maggiore probabilità di autocontagiarsi in tal senso, se ad esempio si infettano le dita in precedenza afferrando o manipolando oggetti contaminati (ad esempio le maniglie della porta per entrare in un bagno pubblico). Bisognerebbe inoltre informare la popolazione, che anche le banconote, qualora arrivi l'epidemia, potranno veicolare il virus sulle dita così come la pulsantiera dell'ascensore per via appunto dell'elevato numero di persone che quotidianamente le manipolano. Pochi ad esempio pensano che qualora le mani entrino in contatto con il virus, e poi tocchino lo smartphone, nel momento in cui se lo porteranno all'orecchio o vicino la bocca, rischieranno di infettarsi. Sono giusti degli esempi ma è fondamentale parlarne alla popolazione italiana perché ben poche persone sono abituate a tenere conto di tutti questi aspetti. Tantomeno vanno toccate ferite, anche lievi come escoriazioni proprie od altrui, perché se si hanno le mani infette, anche da tali aperture si rischia che il virus penetri nell'organismo. Quanto chiedo di aggiungere alla regola 3 in merito al fatto ad esempio che il virus penetra da ogni mucosa, compreso quella genitale se toccata con mani infette, lo insegna proprio l'ABC della Medicina, della virologia e della microbiologia..  REGOLA 4: alla regola 4 va aggiunto che quando si tossisce e starnutisce, in assenza di mascherina o fazzoletto occorre farlo nella piega del braccio. Così come è scritto ora, invece, in assenza appunto di mascherina e fazzoletto, le persone continueranno a tossire e starnutire nella mano anziché farlo nella piega del braccio (come consigliato da qualsiasi medico preparato), aumentando le probabilità di contagio.  REGOLA 7: alla regola 7 va assolutamente precisato che per aumentare notevolmente la probabilità di non contrarre infezione per via respiratoria, (il virus è nelle goccioline di saliva) occorre indossare mascherina con almeno filtro ffp3. Le mascherine normali infatti, sicuramente saranno meglio che niente, ma purtroppo un virus le attraversa. Anche questa informazione è all'ABC della Medicina ed in particolare della Virologia e della Microbiologia. Inoltre è importante aggiungere al decalogo che il virus, si può depositare perché trasportato dalle goccioline di salive nei locali chiusi e molto affollati, ad esempio sulle scatole dei prodotti in vendita ai supermercati o sulla pulsantiera degli ascensori, per cui non solo le dita, ma anche andrebbero deterse anche le superficie di tali oggetti. Altrimenti toccandoli dopo essersi detersi le mani, si rischierebbe comunque di infettarsi. Non per polemizzare, non è mia abitudine. Ma mi meraviglio che nessuna delle seguenti categorie da voi elencate si sia accorta delle sopracitate mancanze nonostante dal vostro sito venga dichiarato che abbiano tutte aderito alla iniziativa dell'opuscolo. Qui parliamo dell'Istituto Superiore di Sanità, della Conferenza Stato Regioni, FNOMCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche), FOFI (Federazione Ordini farmacisti Italiani), FNOVI (Federazione Nazionale Ordini. Veterinari Italiani), CARD (Confederazione Associazioni Regionali di Distretto), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera), SIM (Società Italiana di Microbiologia), SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SIMPIOS (Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie), SITI (Società Italia di Igiene e Medicina Preventiva), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia), SIMMG (Società Italiana di Medicina Generale), ANMDO (Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere), AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), FEDERFARMA (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani). Ebbene siete assolutamente certi che ogni singola persona di tali eminenti categorie abbiano letto e approvato proprio l'opuscolo pubblicato dal vostro sito? Ve lo chiedo perchè in caso affermativo è preoccupante che nessuno di tali esperti si sia finora accorto che mancano informazioni importanti come quelle che vi sto pregando umilmente di aggiungere. Possibile che nessuno di loro vi abbia detto almeno di aggiungere che quando si starnutisce e tossisce, in assenza di fazzoletto o mascherina, va fatto nella piega del braccio o del fatto che il filtro di una maschera deve essere almeno ffp3? Io sono nessuno, ma a differenza di tante persone in cui purtroppo ci imbattiamo spesso, ho sempre capito quello che studio, non ho mai imparato a memoria giusto per superare gli esami, e mi tengo comunque costantemente aggiornato, come sono certo facciate anche Voi e tutte le sopracitate eminenti categorie. Per cui credo che la Vostra sia stata solo una svista. Solo che converrete, si tratta di una svista grave perchè chi ignorasse quanto vi chiedo di aggiungere, infettando o infettandosi inconsapevolmente, può vanificare ogni precauzione elencata. Verificate quanto vi sto umilmente scrivendo. Vedrete che ho ragione. Appunto non per polemizzare ma per dirvi proprio la #Verità, se fossi stato io al Governo, vi avrei fatto risparmiare tempo e denaro, dicendovi subito cosa manca al vostro opuscolo. Ed in più tali regole le avrei rese immediatamente visibili nel sito, senza preamboli. Inoltre ad oggi non mi risulta neppure che tale decalogo, neanche nell'attuale forma incompleta, venga trasmesso da emittenti o radio magari all'interno delle trasmissioni più seguite, tipo reality show, talk show, programmi di gossip e quant'altro attiri maggiormente il pubblico. Lo scopo di tali regole dovrebbe essere infatti, quello di istruire la maggior parte popolazione, e di farlo prima che arrivi il contagio in Italia. Sempre sperando che non sia già silenziosamente presente, perché le persone contagiate, prima di essere ricoverate, risulta dai notiziari che avessero visitato più regioni e fossero entrate a contatto con numerose persone. Il tempo di incubazione che inizialmente era già molto lungo (15 giorni) come sicuramente saprete, secondo le ultime ricerche mediche è stato aumentato a ben 24 giorni. Ed in più si è poi scoperto che il primo sintomo non sempre è la febbre il che potrebbe significare che il numero di persone infette asintomatiche entrate in Italia, le settimane scorse, potrebbe essere maggiore di quanto si pensi. Lo scopriremo nei prossimi mesi. Se poi non dovesse succedere nulla, come tutti ci auguriamo, meglio così. Ma siccome ritengo che prevenire sia meglio che curare (tanto più che per il coronavirus, al momento, come voi stessi precisate nell'opuscolo, non esistono ancora cure), converrete con me quanto sia assolutamente prioritario insegnare alla popolazione in forma più esaustiva possibile, le regole per non contagiare e non contagiarsi Più persone saranno correttamente preparate, e maggior sarà possibile arginare l'epidemia nell'evenienza, come temono gli esperti internazionali, arrivi in parti del pianeta dove oggi fortunatamente, sembrerebbe essere ancora assente. Inoltre sarebbe anche corretto informare i contribuenti quanto è costato realizzare questo opuscolo cui mancano importanti informazioni. Mi riferisco sia al poster che al pieghevole. A tal proposito, invito i lettori a verificare l'effettiva mancanza delle informazioni sopracitate che sto pregando di aggiungere ai punti 1,3,4,7, scaricando sia il poster che il pieghevole dal sito ufficiale del Ministero: salute.gov.it Come appunto potete verificare sono ancora del tutto assenti proprio le informazioni in questione. Sono importanti perché già da sole, se ignorate dalla popolazione, rischiano di vanificare le precauzioni dell'intero decalogo. Pertanto Ministero della Sanità, con umiltà ma determinazione Vi prego di essere così gentili da aggiungere rapidamente al decalogo quanto oggettivamente mancante. Così facendo contribuirete meglio a ridurre le probabilità di contagio che si tratti di coronavirus o influenza. Grazie per la cortese e NECESSARIA attenzione. Distinti Saluti  Con rispetto e stima, Adam Kadmon  PS  So che secondo gli esperti internazionali, il 98% delle persone contagiate guarirà. Ma se possibile vorrei provare a salvare la vita anche di quel 2% di persone che a causa dell'infezione, potrebbero avere complicazioni e rischiare di non farcela. Per questo ritengo importante integrare quel decalogo, così che rendendolo ancora più completo, si salvino anche le persone che hanno più probabilità di ammalarsi gravemente rispetto tutte le altre. Finché non sarà trovata una cura, il seguire le istruzioni su come non contagiarsi e non contagiare, resta la via più saggia percorribile.  Un abbraccio, Adam Kadmon… more
5 hours ago • Edited
Image from Adam Kadmon
Aggiornato anche il sito adamkadmon.it con mappa dell'Italia in tempo reale della diffusione del coronavirus covid-19. Andando nel sito e cliccando nella mappa sul rettangolo in alto a sinistra vi appaiono le città interessate selezionando le quali si avranno informazioni sul numero di persone riscontrate infette ed altro. Dal sito adamkadmon.it potete accedere anche al mio blog, alla pagina facebook dove trovate anche l'importante lettera aperta al Ministero della Sanità dove li prego di aggiornare il decalogo spiegandogli cosa ancora manca (e la ragione) per ridurre quanto meglio possibile i casi di contagio. Grazie per aver compreso negli anni l'importanza dell'affrontare i problemi anche più gravi con dlilgenza e serenità. Confermo che appena l'emergenza sarà finita (o forse anche prima), fonderò il movimento che in tantissimi mi avete proposto. Insieme riformemo tutto ciò che in Italia non funzionando bene, da decenni, crea sofferenza alle persone oneste. Sarà infatti importante per affrontare al meglio tutto ciò che la scienza ha previsto in arrivo nel prossimo futuro e che vi narrato con tanti anni fi anticipo tramite le morali delle mie fiabe. Vi voglio Bene.  Un abbraccio  Adam Kadmon… more
2 days ago • Edited
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
Vi ringrazio per confermare ogni giorno, dimostrandolo con il vostro comportamento educato e sereno, di avere correttamente recepito quanto vi ho sempre comunicato sull'importanza del restare calmi e lucidi anche nei momenti più difficili, come questa spiacevole epidemia, che purtroppo sta ora colpendo anche la nostra amatissima Italia. Lo avete dimostrato accogliendo e applicando correttamente ogni valore educativo che ho inserito per oltre 15 anni nelle morali delle mie fiabe tra web, libri, video, radio e televisione. La riprova è nel fatto che chiunque di Voi abbia davvero recepito quanto ho comunicato con tanto anticipo per mettere in grado di affrontare con serenità e competenza ogni emergenza, ora sa cosa fare, è sereno e agisce con lucidità, restando "semplice come colomba e prudente come serpente". Mi dispiace davvero tanto, invece, per tutte quelle persone che non avendo avuto una buona guida, stanno purtroppo andando nel panico a causa del non essere state informate per tempo sul coronavirus, e che stanno assurdamente assaltando negozi di generi alimentari addirittura litigando ed aggredendosi in casi estremi. Tutto questo si poteva evitare semplicemente preparandole con calma, con largo anticipo, come ad esempio ho fatto con Voi, su come comportarsi in caso di epidemia ed altro. In verità si poteva evitare anche la diffusione del virus in Italia se le persone al comando avessero fatto ciò che avevo pubblicamente e con grande anticipo, supplicato di fare.   Hanno ignorato me. Hanno ignorato Voi.  Solo adesso che è tardi, iniziano a chiedersi chi non abbia applicato le necessarie misure fin dall'inizio.  Insomma la stessa cosa che hanno fatto anche sull'adesione al costosissimo MES e sui responsabili dei crolli provocati dal cambiamento climatico   Ed anche in quel caso li avevo informati pubblicamente e supplicati con largo anticipo.   Ma parimenti ignorarono me. Ignorarono Voi. Per poi, solo quando ormai era troppo tardi, preoccuparsi del problema.   Non è questo il modo di fare. Ma loro persistono.  Ma nonostante le ingiustizie patite, miei amatissimi lettori, io e Voi restiamo siete calmi, preparati, consapevoli, a differenza di coloro che invece litigano inutilmente, come potete vedere nel web e in televisione o ancora peggio per strada. Voi avete appreso, compreso e verificato quanto le persone che si comportano in modo aggressivo diventino parte del problema anziché della soluzione.   Ed intanto negligenze e danni si accumulano a catena formando un groviglio sempre più grande ed apparentemente inestricabile.   Ma la principale responsabilità di tutti questi problemi, che provocano tanto odio e sofferenza nella popolazione, è di tutto un sistema di cose che non vanno in Italia, e che privano tantissime persone fin dall'infanzia di una corretta educazione.   Per cui quando diventano adulte mancano della capacità di affrontare in modo maturo, preparato, diligente ed altruistico, tanto le piccole quanto le ancor più (come appunto state vedendo), grandi difficoltà. COME SAPETE PER ME, DA SEMPRE,  È IMPORTANTE SALVARE OGNI VITA. E sempre come sapete, quel Dio di Pace di cui Vi parlo fin da bimbo, e Suo Figlio, amano tutte le persone, anche quelle più deboli che hanno problemi di salute. E non soltanto potenti, ricchi, loro famiglie, amici ed "amici degli amici".   Per questo per evitare che il virus entrasse, avevo con largo anticipo pubblicamente supplicato il Governo di assicurarsi che venisse sospeso ogni arrivo di aerei, treni, bus e quan'altro in Italia, già dalla primissima notizia di focolai epidemici e pregato di mandare subito in quarantena ogni passeggero fosse già arrivato. Sempre per questo avevo chiesto di formare alla perfezione il personale medico ai controlli alle stazioni, aeroporti od ovunque ne fosse necessaria la presenza per verificare infezioni da coronavirus, e far loro indossare da subito maschere con filtro ffp3, occhiali aderenti, cuffie, guanti, tute e stivali. Lo scopo era proteggerli da passeggeri contagiati ma asintomatici.  Stesso discorso per medici ed infermieri negli ospedali. Ed occorreva assicurarsi che tutti rispettassero le regole.  Non mi hanno dato retta.   Come se non bastasse persistono negligenze in quegli ospedali dove personale, addirittura in divise verdi di tipo interventistico e zoccoli da lavoro vanno al bar od escono a fumare per strada infettandosi le suole.  È gravissimo. E non aggiungo altro.  È inoltre assurdo che in televisione alcuni "esperti" per rassicurare, dicono che morirà solo il 2% delle persone contagiate con problemi di salute oppure quelle anziane.   Ma si rendono conto che stanno parlando di vite umane? Si rendono conto inoltre che chi le ama ne soffrirebbe immensamente la tragica perdita?  Non si può ridurre tutto solo a cifre e statistiche. Ogni singola vita è prezioda. Confermo quindi che appena questa emergenza sarà finita fonderò quel Movimento che in tanti, da anni, mi avete chiesto di creare, il cui scopo sarà riformare in Italia tutto ciò che non funziona cosicché non provochi più sofferenza alle tante persone oneste e diligenti, o a quelle che vorrebbero essere tali ma non possono a causa di eventuali potenti-prepotenti la cui disonestà od incompetenza o stoltezza glielo dovessero impedire. Come sapete il mio Movimento richiederà essere sereni, forti e numerosi poiché, tutti coloro che si arricchiscono mantenendo inefficiente quanto è invece assolutamente necessario riformare, proveranno ad impedircelo con ogni mezzo, ed in modo ancora più feroce dell'ultima volta (che oltretutto avete in molti documentato, e vi ringrazio)..   Ed infatti da quanto mi state scrivendo, numerosi e ben organizzati ignoti, servendosi anche di profili falsi, hanno già nuovamente iniziato a molestare alcuni di Voi con messaggi offensivi contro il Movimento stesso, ancor prima che sia fondato.   Ma noi lo prendiamo come un complimento. È la dimostrazione che tali ignoti (e la regia che si nasconde dietro di loro), hanno paura che se tutti gli italiani onesti venissero a conoscerne lo scopo, aderendovi a milioni, uniti, consentirebbe davvero di riformare tutto ciò che non funziona in Italia, su cui i disonesti invece prosperano danneggiando appunto la popolazione onesta in ogni settore.   Grazie quindi per restare nel Bene, per aver compreso e per condividere i miei valori educativi e le morali delle mie fiabe.   Per informazioni su come non contagiarsi e non contagiare vi invito a leggere o rileggere i post precedenti, dove riporto anche la lettera aperta al Ministero della Sanità nella quale, supplico di completare il decalogo, elencando quali informazioni da inserire, ad oggi purtroppo ancora mancanti.  Un abbraccio forte. Adam Kadmon  PSChi fosse interessato a leggere la mia pagina Facebook, il Blog e il resto, compreso la mappa in tempo reale dell'espansione del coronaviris trova tutti i link qui adamkadmon.it… more
3 days ago • Edited
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
Purtroppo l''Italia è ora la terza nazione al mondo per casi di contagio e la nazione europea che ha conseguito il record di casi da coronavirus nelle prime 24 ore. Io e Voi nel nostro piccolo abbiamo fatto tutto quello che potevamo per evitarlo, spiegando pubblicamente con serenità, dolcezza, educazione, ed umiltà. Avete anche visto come nel video e nei post, ho anche supplicato, e con larghissimo anticipo, addirittura il Governo illustrando nel dettaglio proprio come evitare che il coronavirus si diffondesse in Italia fin dai primissimi focolai epidemici in Cina. Come ho spiegato tante volte NON sono un medico ma da sempre studio, mi tengo aggiornato ed ho esperienza su tanti argomenti di cui inserisco valori educativi nelle morali delle mie "fiabe". Del resto lo hanno dimostrato i fatti. Mentre l'Italia ha purtroppo conseguito tale record di casi da coronavirus nelle prime 24 ore (e continuano a salire), le nazioni europee che hanno applicato esattamente quanto consigliai fin dall'inizio (ossia sospendere gli arrivi dalla Cina dalla sua primissima notizia di focolaio epidemico e mettere in quarantena chiunque fosse arrivato nel frattempo) NON hanno ancora avuto un solo caso. Da oltre 15 anni le morali che avete trovato in post, videomessaggi, ed ogni mio libro, come sapete, invitano a studiare ed approfondire, ad essere sereni nelle avversità, a prendere distanze da egoismo, violenza, ignoranza, incompetenza, corruzione, da fanatici, da invidiosi, da diffamatori, da calunniatori, da coloro che diffondono odio. Grazie per avermi compreso, aiutato ed apprezzato. Il mio appello era arrivato a destinazione ma ancora una volta è stato filtrato da persone che hanno deciso arbitrariamente di ignorarlo, NONOSTANTE quanto dicessi (e dica), come ben sa ogni persona realmente preparata, sia confermato da manuali professionali di virologia, microbiologia, continui aggiornamenti ed esperienza. Mi avete comunicato in tanti che quando provavate (e provate) a spiegare le regole per non contagiare e non contagiarsi, appaiono dal nulla misteriose orde di profili facebook (molti palesemente falsi) che anzichè ascoltarvi od aiutarvi, deridono, insultano, e cercano di boicottare quanto scrivete, a prescindere dalla correttezza del contenuto, facendo così restare ignorante la restante parte della popolazione. Ed ecco i risultati ottenuti da tali organizzati ignoti finalizzati ad ostacolarci in qualsiasi cosa utile buona abbiamo provato a fare: un' Italia con record di casi da coronavirus in 24 ore e già alcuni decessi e terza al mondo per numero di contagi. Ma almeno noi sappiamo di avere fatto, a differenza di chi ci ha ostacolati, tutto ciò che potevamo fare nel nostro piccolo. Un giorno passata questa emergenza, sarà davvero necessario aiutarmi a riformare TUTTO ciò che in Italia è evidente che non funzionando, crea danni e sofferenza sempre più grande alla popolazione onesta. Volevo evitare di entrare in questioni politiche ma se necessario fonderò (appunto dopo che tale emergenza sarà finita) un mio movimento indipendente, proprio finalizzato a tale importantissimo scopo cui, se vorrete, potrete tutti aderire per aiutarmi a proteggervi da quant'altro arrivi in futuro.RISPOSTE AI LETTORI:   A) COSA ACCADRÀ NELLE LOCALITÀ ITALIANE IN CUI SI DOVESSE DIFFONDERE IL CONTAGIO DA CORONAVIRUS?   B) COME RIDURRE IL CONTAGIO IN ITALIA? A) Sarà attivato il sistema di prevenzione e controllo sanitario, a seguito del quale il #Ministero della #Salute dovrà emanare tempestivamente un'ordinanza valida per i Territori e Comuni che ritiene opportuni i cui contenuti saranno dovuti essere obbligatoriamente e rigorosamente, rispettati dagli abitanti ossia: 1) gli abitanti dovranno restare a casa salvo uscire per fare la spesa o andare in farmacia o gettare l'immondizia. In caso ci si ammali con sintomi da coronavirus o influenzali si dovrà chiamare il numero verde 1500. 2) dovranno restare APERTI negozi di generi alimentari, farmacie, negozi di beni di prima necessità e sarà attivo il sistema di raccolta dei rifiuti. 3) dovrà invece restare CHIUSA ogni altra attività commerciale, produttiva, uffici pubblici o privati, scuola pubblica e privata di ogni ordine e grado, fermate dei mezzi pubblici, palestre, parchi pubblici, i mercati settimanali, tutti i cantieri di lavoro, e tutte le funzioni religiose compresa quella domenicale e i cimiteri. 4) i residenti delle aree in cui vige l'ordinanza hanno il divieto di recarsi in altri Comuni per andare al lavoro, a scuola, palestra o quant'altro. Consiglio alle persone che dovessero lavorare in alimentari, farmacie, beni di prima necessità, delle località che saranno raggiunte dall'ordinanza di indossare, per ridurre le probabilità di contagio o di contagiarsi, almeno mascherina ffp3, guanti, cuffie che coprano orecchie. Alle persone che invece andranno a fare la spesa consiglio di indossare anche loro almeno mascherina e guanti, e di uscire, un membro solo della famiglia, una volta ogni tre giorni o più o comunque quando strettamente necessario. Fondamentale lavarsi bene le mani dopo essersi tolti i guanti e detergere dopo essersele lavate anche la manopola del rubinetto e il tappo del dosatore del sapone liquido altrimenti si rischia ritoccandoli di infettarsi. Si ricordi qualunque cosa accada di agire e pensare sempre con serenità perchè aiuta a fare le cose per bene, oltre a rafforzare il sistema immunitario. Si tenga presente che l'igiene delle mani è importante e che occorre davvero fare attenzione a non toccarsi con dita infette occhi, bocca, naso, orecchie. Lo preciso perchè senza accorgersene è facile toccarsi tantissime volte il viso. B) COME RIDURRE IL CONTAGIO IN ITALIA? LETTERA APERTA al #Ministero della Salute. Con umiltà ritengo necessario informarVi che il decalogo di 10 comportamenti da seguire per non infettarsi con il #coronavirus presente nel sito http://salute.gov.it è purtroppo incompleto.Tanto premesso, Vi prego nell'interesse di tutta la popolazione di aggiungere le seguenti informazioni mancanti al Vostro decalogo così da ridurre il contagio, nell'evenienza il #virus giunga in #Italia. REGOLA 1 alla regola 1 va aggiunto che nel lavarsi perfettamente le mani, occorre anche lavare la manopola del rubinetto e il pulsante del dosatore del sapone liquido. La ragione è semplice. Nell'atto di aprire la manopola le dita possono portare virus e batteri sulla manopola stessa e sul tappo del dosatore. Se non si lavasse la manopola prima di richiuderla, si rischierebbe di reinfettare nuovamente la superficie delle dita con virus e batteri e di conseguenza portarli all'asciugamano, e nel resto della casa, fino al frigo, in cucina, sul cibo e di conseguenza a tutta la famiglia. Capite quindi quanto sia importante aggiornare la regola numero 1 per evitare che il contagio si espanda, nonostante le persone si lavino ugualmente bene le mani. Questa regola vale anche per chi avesse indossato i guanti. Ho visto medici ed infermieri, per fortuna non tutti, proprio di non detergere anche la manopola del rubinetto e di conseguenza di rischiare di reinfettarsi le dita con tutto ciò che ne potrebbe conseguire  Spero comprendiate ed apprezziate la ragione nonché l'importanza fondamentale di quanto vi sto comunicando, tanto più che le informazioni sopracitate valgono NON solo per prevenire infezioni da coronavirus ma anche quelle provocate da altri virus (ad esempio la diffusissima influenza) o quei batteri che troppo spesso sono responsabili, come ben sapete, proprio delle infezioni che a volte si contraggono in ospedale (oltretutto spesso antibiotico resistenti). Sia chiaro che stimo ogni medico ed infermiere  che svolga diligentemente la preziosa professione.  REGOLA 3: alla regola 3 va aggiunto che oltre occhi, naso e bocca, non vanno toccate neanche le ORECCHIE. Ma non è tutto. Infatti siccome il virus passa da ogni mucosa ed apertura sull'epidermide, bisogna aggiungere sempre al punto 3 che le persone non devono toccarsi con mani infette neppure MUCOSE GENITALI o ANALI. Molte persone infatti quando vanno al bagno per espletare i loro bisogni al più si lavano le mani dopo essersi toccati i genitali, quando dovrebbero farlo invece anche prima, proprio per non infettarsi. I maschi, per struttura anatomica, hanno maggiore probabilità di autocontagiarsi in tal senso, se ad esempio si infettano le dita in precedenza afferrando o manipolando oggetti contaminati (ad esempio le maniglie della porta per entrare in un bagno pubblico). Bisognerebbe inoltre informare la popolazione, che anche le banconote, qualora arrivi l'epidemia, potranno veicolare il virus sulle dita così come la pulsantiera dell'ascensore per via appunto dell'elevato numero di persone che quotidianamente le manipolano. Pochi ad esempio pensano che qualora le mani entrino in contatto con il virus, e poi tocchino lo smartphone, nel momento in cui se lo porteranno all'orecchio o vicino la bocca, rischieranno di infettarsi. Sono giusti degli esempi ma è fondamentale parlarne alla popolazione italiana perché ben poche persone sono abituate a tenere conto di tutti questi aspetti. Tantomeno vanno toccate ferite, anche lievi come escoriazioni proprie od altrui, perché se si hanno le mani infette, anche da tali aperture si rischia che il virus penetri nell'organismo. Quanto chiedo di aggiungere alla regola 3 in merito al fatto ad esempio che il virus penetra da ogni mucosa, compreso quella genitale se toccata con mani infette, lo insegna proprio l'ABC della Medicina, della virologia e della microbiologia..  REGOLA 4: alla regola 4 va aggiunto che quando si tossisce e starnutisce, in assenza di mascherina o fazzoletto occorre farlo nella piega del braccio. Così come è scritto ora, invece, in assenza appunto di mascherina e fazzoletto, le persone continueranno a tossire e starnutire nella mano anziché farlo nella piega del braccio (come consigliato da qualsiasi medico preparato), aumentando le probabilità di contagio.  REGOLA 7: alla regola 7 va assolutamente precisato che per aumentare notevolmente la probabilità di non contrarre infezione per via respiratoria, (il virus è nelle goccioline di saliva) occorre indossare mascherina con almeno filtro ffp3. Le mascherine normali infatti, sicuramente saranno meglio che niente, ma purtroppo un virus le attraversa. Anche questa informazione è all'ABC della Medicina ed in particolare della Virologia e della Microbiologia. Inoltre è importante aggiungere al decalogo che il virus, si può depositare perché trasportato dalle goccioline di salive nei locali chiusi e molto affollati, ad esempio sulle scatole dei prodotti in vendita ai supermercati o sulla pulsantiera degli ascensori, per cui non solo le dita, ma anche andrebbero deterse anche le superficie di tali oggetti. Altrimenti toccandoli dopo essersi detersi le mani, si rischierebbe comunque di infettarsi, Non per polemizzare, non è mia abitudine. Ma mi meraviglio che nessuna delle seguenti categorie da voi elencate si sia accorta delle sopracitate mancanze nonostante dal vostro sito venga dichiarato che abbiano tutte aderito alla iniziativa dell'opuscolo. Qui parliamo dell'Istituto Superiore di Sanità, della Conferenza Stato Regioni, FNOMCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche), FOFI (Federazione Ordini farmacisti Italiani), FNOVI (Federazione Nazionale Ordini. Veterinari Italiani), CARD (Confederazione Associazioni Regionali di Distretto), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera), SIM (Società Italiana di Microbiologia), SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SIMPIOS (Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie), SITI (Società Italia di Igiene e Medicina Preventiva), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia), SIMMG (Società Italiana di Medicina Generale), ANMDO (Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere), AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), FEDERFARMA (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani). Ebbene siete assolutamente certi che ogni singola persona di tali eminenti categorie abbiano letto e approvato proprio l'opuscolo pubblicato dal vostro sito? Ve lo chiedo perchè in caso affermativo è preoccupante che nessuno di tali esperti si sia finora accorto che mancano informazioni importanti come quelle che vi sto pregando umilmente di aggiungerre. Io sono nessuno, ma a differenza di tante persone in cui purtroppo ci imbattiamo spesso, ho sempre capito quello che studio, non ho mai imparato a memoria giusto per superare gli esami, e mi tengo comunque costantemente aggiornato, come sono certo facciate anche Voi e tutte le sopracitate eminenti categorie. Per cui credo che la Vostra sia stata solo una svista. Solo che converrete, si tratta di una svista grave perchè chi ignorasse quanto vi chiedo di aggiungere, infettando o infettandosi inconsapevolmente, può vanificare ogni precauzione elencata. Verificate quanto vi sto umilmente scrivendo. Vedrete che ho ragione. Grazie per la cortese e NECESSARIA attenzione. Distinti Saluti Con rispetto e stima, Adam Kadmon… more
5 days ago • Edited
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
Come avrete appreso dai notiziari e come mi avete scritto in tantissimi, anche ringraziandomi (ma sono io che ringrazio Voi per avere compreso la validità di quanto vi scrivo ormai da tanti anni), Vi avevo detto la #verità su tutto. Ci sono infatti casi di #coronavirus in #Lombardia e #Veneto dove purtroppo sono avvenuti anche due decessi. Si tratta di un uomo e una donna italiani. Non avevano avuto contatti con la Cina. Significa che il contagio si era già diffuso ad altre persone. Infatti come vi spiegai nel video, l'incubazione del coronavirus era lunga e le persone infette potevano essere anche asintomatiche. Ecco perchè invitavo il Governo a sospendere gli arrivi in Italia, fare indossare al personale di controllo tuta, occhiali aderenti, maschera con filtro ffp3, guanti, stivali e mettere chiunque arrivasse dall'estero, in quarantena, indipendentemente dai sintomi che mostrasse. Purtroppo non sono stato ascoltato. Spero lo facciano adesso. Rinnovo quindi e amplio la mia Lettera Aperta al Ministero della Sanità estendola nuovamente al Governo e agli Organi di Informazione, invitando anche tutti Voi, miei amatissimi lettori, ad integrarla con le istruzioni già contenute nel mio video che avete visto in oltre 100.000. Infatti quanto accaduto a differenza di tanti altri, non vi ha colti impreparati perchè eravate sereni e preparati da tempo su cosa dovrete fare per non infettarvi e non infettare e potrete con serenita insegnarlo a tutti. Alla fine della lettera troverete, un ulteriore messaggio per Voi.  Grazie di esserci ❤  LETTERA APERTA al #Ministero della Salute. Con umiltà ritengo necessario informarVi che il decalogo di 10 comportamenti da seguire per non infettarsi con il #coronavirus presente nel sito salute.gov.it è purtroppo incompleto.Tanto premesso, Vi prego nell'interesse di tutta la popolazione di aggiungere le seguenti informazioni mancanti al Vostro decalogo così da ridurre il contagio, nell'evenienza il #virus giunga in #Italia. REGOLA 1 alla regola 1 va aggiunto che nel lavarsi perfettamente le mani, occorre anche lavare la manopola del rubinetto e il pulsante del dosatore del sapone liquido. La ragione è semplice. Nell'atto di aprire la manopola le dita possono portare virus e batteri sulla manopola stessa e sul tappo del dosatore. Se non si lavasse la manopola prima di richiuderla, si rischierebbe di reinfettare nuovamente la superficie delle dita con virus e batteri e di conseguenza portarli all'asciugamano, e nel resto della casa, fino al frigo, in cucina, sul cibo e di conseguenza a tutta la famiglia. Capite quindi quanto sia importante aggiornare la regola numero 1 per evitare che il contagio si espanda, nonostante le persone si lavino ugualmente bene le mani. Questa regola vale anche per chi avesse indossato i guanti. Ho visto medici ed infermieri, per fortuna non tutti, proprio di non detergere anche la manopola del rubinetto e di conseguenza di rischiare di reinfettarsi le dita con tutto ciò che ne potrebbe conseguire Ma non è tutto. E' facile imbattersi in vari ospedali, in medici ed infermieri che escono a fumare per strada in zoccoli da lavoro e camice. In questo modo si infettano le suole delle scarpe portandole poi all'interno dell'ospedale. Altri vanno addirittura al bar con camice verde, quello interventistico. In questo modo oltre a portare all'esterno eventuali virus che hanno addosso, ne possono acquisire di nuovi essendo i bar affollati (e ancor più gli ascensori) che poi rischiano di portare in sala operatoria. Non tutti ma molti medici ed infermieri si comportano in questo modo, tant'è che è facile documentarlo. Parimenti è facile documentare quanto tali medici ed infermieri, rispondono male quando gli si faccia notare che non devono uscire con zoccoli di lavoro per strada o andare al bar con camice interventistico. Queste gravissime negligenze, rischiano di provocare infezioni nei pazienti. Come si può sperare di contrastare una epidemia, quando oltre tali negligenze, vi sono appunto medici ed infermieri che ignorano o non si ricordano che devono lavare anche la manopola del rubinetto dopo averlo aperto con dita potenzialmente infette? Se già lo dimenticano loro, immaginate se possa ricordarlo o saperlo la restante parte della popolazione a maggior ragione quando non viene neppure spiegato nel vostro decalogo. Spero comprendiate ed apprezziate la ragione nonché l'importanza fondamentale di quanto vi sto comunicando, tanto più che le informazioni sopracitate valgono NON solo per prevenire infezioni da coronavirus ma anche quelle provocate da altri virus (ad esempio la diffusissima influenza) o quei batteri che troppo spesso sono responsabili, come ben sapete, proprio delle infezioni che a volte si contraggono in ospedale (oltretutto spesso antibiotico resistenti). So che esistono in tanti ospedali, circolari e volantini, ma le autorità competenti, devono vigilare per assicurarsi che tutto il personale le rispetti realmente, e provvedere ad intervenire, qualora vengano deliberatamente ignorate appunto da certi medici ed infermieri Stimo invece profondamente tutti coloro che nonistante pessimi esempi dai colleghi svolgono diligentemente la loro preziosa professione. Grazie di esistere e resistere.   REGOLA 3: alla regola 3 va aggiunto che oltre occhi, naso e bocca, non vanno toccate neanche le ORECCHIE. Ma non è tutto. Infatti siccome il virus passa da ogni mucosa ed apertura sull'epidermide, bisogna aggiungere sempre al punto 3 che le persone non devono toccarsi con mani infette neppure MUCOSE GENITALI o ANALI. Molte persone infatti quando vanno al bagno per espletare i loro bisogni al più si lavano le mani dopo essersi toccati i genitali, quando dovrebbero farlo invece anche prima, proprio per non infettarsi. I maschi, per struttura anatomica, hanno maggiore probabilità di autocontagiarsi in tal senso, se ad esempio si infettano le dita in precedenza afferrando o manipolando oggetti contaminati (ad esempio le maniglie della porta per entrare in un bagno pubblico). Bisognerebbe inoltre informare la popolazione, che anche le banconote, qualora arrivi l'epidemia, potranno veicolare il virus sulle dita così come la pulsantiera dell'ascensore per via appunto dell'elevato numero di persone che quotidianamente le manipolano. Pochi ad esempio pensano che qualora le mani entrino in contatto con il virus, e poi tocchino lo smartphone, nel momento in cui se lo porteranno all'orecchio o vicino la bocca, rischieranno di infettarsi. Sono giusti degli esempi ma è fondamentale parlarne alla popolazione italiana perché ben poche persone sono abituate a tenere conto di tutti questi aspetti. Tantomeno vanno toccate ferite, anche lievi come escoriazioni proprie od altrui, perché se si hanno le mani infette, anche da tali aperture si rischia che il virus penetri nell'organismo. Quanto chiedo di aggiungere alla regola 3 in merito al fatto ad esempio che il virus penetra da ogni mucosa, compreso quella genitale se toccata con mani infette, lo insegna proprio l'ABC della Medicina, della virologia e della microbiologia..  REGOLA 4: alla regola 4 va aggiunto che quando si tossisce e starnutisce, in assenza di mascherina o fazzoletto occorre farlo nella piega del braccio. Così come è scritto ora, invece, in assenza appunto di mascherina e fazzoletto, le persone continueranno a tossire e starnutire nella mano anziché farlo nella piega del braccio (come consigliato da qualsiasi medico preparato), aumentando le probabilità di contagio.   REGOLA 7: alla regola 7 va assolutamente precisato che per aumentare notevolmente la probabilità di non contrarre infezione per via respiratoria, (il virus è nelle goccioline di saliva) occorre indossare mascherina con almeno filtro ffp3. Le mascherine normali infatti, sicuramente saranno meglio che niente, ma purtroppo un virus le attraversa. Anche questa informazione è all'ABC della Medicina ed in particolare della Virologia e della Microbiologia. Inoltre è importante aggiungere al decalogo che il virus, si può depositare perché trasportato dalle goccioline di salive nei locali chiusi e molto affollati, ad esempio sulle scatole dei prodotti in vendita ai supermercati o sulla pulsantiera degli ascensori, per cui non solo le dita, ma anche andrebbero deterse anche le superficie di tali oggetti. Altrimenti toccandoli dopo essersi detersi le mani, si rischierebbe comunque di infettarsi, Non per polemizzare, non è mia abitudine. Ma mi meraviglio che nessuna delle seguenti categorie da voi elencate si sia accorta delle sopracitate mancanze nonostante dal vostro sito venga dichiarato che abbiano tutte aderito alla iniziativa dell'opuscolo. Qui parliamo dell'Istituto Superiore di Sanità, della Conferenza Stato Regioni, FNOMCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche), FOFI (Federazione Ordini farmacisti Italiani), FNOVI (Federazione Nazionale Ordini. Veterinari Italiani), CARD (Confederazione Associazioni Regionali di Distretto), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera), SIM (Società Italiana di Microbiologia), SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SIMPIOS (Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie), SITI (Società Italia di Igiene e Medicina Preventiva), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia), SIMMG (Società Italiana di Medicina Generale), ANMDO (Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere), AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), FEDERFARMA (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani). Ebbene siete assolutamente certi che ogni singola persona di tali eminenti categorie abbiano letto e approvato proprio l'opuscolo pubblicato dal vostro sito? Ve lo chiedo perchè in caso affermativo è preoccupante che nessuno di tali esperti si sia finora accorto che mancano informazioni importanti come quelle che vi sto pregando umilmente di aggiungere. Possibile che nessuno di loro vi abbia detto almeno di aggiungere che quando si starnutisce e tossisce, in assenza di fazzoletto o mascherina, va fatto nella piega del braccio o del fatto che il filtro di una maschera deve essere almeno ffp3? Io sono nessuno, ma a differenza di tante persone in cui purtroppo ci imbattiamo spesso, ho sempre capito quello che studio, non ho mai imparato a memoria giusto per superare gli esami, e mi tengo comunque costantemente aggiornato, come sono certo facciate anche Voi e tutte le sopracitate eminenti categorie. Per cui credo che la Vostra sia stata solo una svista. Solo che converrete, si tratta di una svista grave perchè chi ignorasse quanto vi chiedo di aggiungere, infettando o infettandosi inconsapevolmente, può vanificare ogni precauzione elencata. Verificate quanto vi sto umilmente scrivendo. Vedrete che ho ragione. Appunto non per polemizzare ma per dirvi proprio la #Verità, se fossi stato io al Governo, vi avrei fatto risparmiare tempo e denaro, dicendovi subito cosa manca al vostro opuscolo. Ed in più tali regole le avrei rese immediatamente visibili nel sito, senza preamboli. Inoltre ad oggi non mi risulta neppure che tale decalogo, neanche nell'attuale forma incompleta, venga trasmesso da emittenti o radio magari all'interno delle trasmissioni più seguite, tipo reality show, talk show, programmi di gossip e quant'altro attiri maggiormente il pubblico. Lo scopo di tali regole dovrebbe essere infatti, quello di istruire la maggior parte popolazione, e di farlo prima che arrivi il contagio in Italia. Sempre sperando che non sia già silenziosamente presente, perché le persone contagiate, prima di essere ricoverate, risulta dai notiziari che avessero visitato più regioni e fossero entrate a contatto con numerose persone. Il tempo di incubazione che inizialmente era già molto lungo (15 giorni) come sicuramente saprete, secondo le ultime ricerche mediche è stato aumentato a ben 24 giorni. Ed in più si è poi scoperto che il primo sintomo non sempre è la febbre il che potrebbe significare che il numero di persone infette asintomatiche entrate in Italia, le settimane scorse, potrebbe essere maggiore di quanto si pensi. Lo scopriremo nei prossimi mesi. Se poi non dovesse succedere nulla, come tutti ci auguriamo, meglio così. Ma siccome ritengo che prevenire sia meglio che curare (tanto più che per il coronavirus, al momento, come voi stessi precisate nell'opuscolo, non esistono ancora cure), converrete con me quanto sia assolutamente prioritario insegnare alla popolazione in forma più esaustiva possibile, le regole per non contagiare e non contagiarsi Più persone saranno correttamente preparate, e maggior sarà possibile arginare l'epidemia nell'evenienza, come temono gli esperti internazionali, arrivi in parti del pianeta dove oggi fortunatamente, sembrerebbe essere ancora assente. Inoltre sarebbe anche corretto informare i contribuenti quanto è costato realizzare questo opuscolo cui mancano importanti informazioni. Mi riferisco sia al poster che al pieghevole. A tal proposito, invito i lettori a verificare l'effettiva mancanza delle informazioni sopracitate che sto pregando di aggiungere ai punti 1,3,4,7, scaricando sia il poster che il pieghevole dal sito ufficiale del Ministero: Come appunto verificato sono del tutto assenti proprio le informazioni in questione. Sono importanti perché già da sole, se ignorate dalla popolazione, rischiano di vanificare le precauzioni dell'intero decalogo. Pertanto Ministero della Sanità, con umiltà ma determinazione Vi prego di essere così gentili da aggiungere rapidamente al decalogo quanto oggettivamente mancante. Così facendo contribuirete meglio a ridurre le probabilità di contagio che si tratti di coronavirus o influenza. Grazie per la cortese e NECESSARIA attenzione. Distinti Saluti Con rispetto e stima,  Adam Kadmon #coronavirus #opuscolo #covid19 #influenza #ministerodellasalute #ministerodellasanità #decalogo #salute #sanità #prevenzione #kadmon #adamkadmon #letteraaperta… more
6 days ago • Edited
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
LETTERA APERTA al #Ministero della Salute. Con umiltà ritengo necessario informarVi che il decalogo di 10 comportamenti da seguire per non infettarsi con il #coronavirus presente nel sito salute.gov.it è purtroppo incompleto.Tanto premesso, Vi prego nell'interesse di tutta la popolazione di aggiungere le seguenti informazioni mancanti al Vostro decalogo così da ridurre il contagio, nell'evenienza il #virus giunga in #Italia. REGOLA 1 alla regola 1 va aggiunto che nel lavarsi perfettamente le mani, occorre anche lavare la manopola del rubinetto e il pulsante del dosatore del sapone liquido. La ragione è semplice. Nell'atto di aprire la manopola le dita possono portare virus e batteri sulla manopola stessa e sul tappo del dosatore. Se non si lavasse la manopola prima di richiuderla, si rischierebbe di reinfettare nuovamente la superficie delle dita con virus e batteri e di conseguenza portarli all'asciugamano, e nel resto della casa, fino al frigo, in cucina, sul cibo e di conseguenza a tutta la famiglia. Capite quindi quanto sia importante aggiornare la regola numero 1 per evitare che il contagio si espanda, nonostante le persone si lavino ugualmente bene le mani. Questa regola vale anche per chi avesse indossato i guanti. Ho visto medici ed infermieri, per fortuna non tutti, proprio di non detergere anche la manopola del rubinetto e di conseguenza di rischiare di reinfettarsi le dita con tutto ciò che ne potrebbe conseguire Ma non è tutto. E' facile imbattersi in vari ospedali, in medici ed infermieri che escono a fumare per strada in zoccoli da lavoro e camice. In questo modo si infettano le suole delle scarpe portandole poi all'interno dell'ospedale. Altri vanno addirittura al bar con camice verde, quello interventistico. In questo modo oltre a portare all'esterno eventuali virus che hanno addosso, ne possono acquisire di nuovi essendo i bar affollati (e ancor più gli ascensori) che poi rischiano di portare in sala operatoria. Non tutti ma molti medici ed infermieri si comportano in questo modo, tant'è che è facile documentarlo. Parimenti è facile documentare quanto tali medici ed infermieri, rispondono male quando gli si faccia notare che non devono uscire con zoccoli di lavoro per strada o andare al bar con camice interventistico. Queste gravissime negligenze, rischiano di provocare infezioni nei pazienti. Come si può sperare di contrastare una epidemia, quando oltre tali negligenze, vi sono appunto medici ed infermieri che ignorano o non si ricordano che devono lavare anche la manopola del rubinetto dopo averlo aperto con dita potenzialmente infette? Se già lo dimenticano loro, immaginate se possa ricordarlo o saperlo la restante parte della popolazione a maggior ragione quando non viene neppure spiegato nel vostro decalogo. Spero comprendiate ed apprezziate la ragione nonché l'importanza fondamentale di quanto vi sto comunicando, tanto più che le informazioni sopracitate valgono NON solo per prevenire infezioni da coronavirus ma anche quelle provocate da altri virus (ad esempio la diffusissima influenza) o quei batteri che troppo spesso sono responsabili, come ben sapete, proprio delle infezioni che a volte si contraggono in ospedale (oltretutto spesso antibiotico resistenti). So che esistono in tanti ospedali, circolari e volantini, ma le autorità competenti, devono vigilare per assicurarsi che tutto il personale le rispetti realmente, e provvedere ad intervenire, qualora vengano deliberatamente ignorate appunto da certi medici ed infermieri Stimo invece profondamente tutti coloro che nonistante pessimi esempi dai colleghi svolgono diligentemente la loro preziosa professione. Grazie di esistere e resistere. REGOLA 3: alla regola 3 va aggiunto che oltre occhi, naso e bocca, non vanno toccate neanche le ORECCHIE. Ma non è tutto. Infatti siccome il virus passa da ogni mucosa ed apertura sull'epidermide, bisogna aggiungere sempre al punto 3 che le persone non devono toccarsi con mani infette neppure MUCOSE GENITALI o ANALI. Molte persone infatti quando vanno al bagno per espletare i loro bisogni al più si lavano le mani dopo essersi toccati i genitali, quando dovrebbero farlo invece anche prima, proprio per non infettarsi. I maschi, per struttura anatomica, hanno maggiore probabilità di autocontagiarsi in tal senso, se ad esempio si infettano le dita in precedenza afferrando o manipolando oggetti contaminati (ad esempio le maniglie della porta per entrare in un bagno pubblico). Bisognerebbe inoltre informare la popolazione, che anche le banconote, qualora arrivi l'epidemia, potranno veicolare il virus sulle dita così come la pulsantiera dell'ascensore per via appunto dell'elevato numero di persone che quotidianamente le manipolano. Pochi ad esempio pensano che qualora le mani entrino in contatto con il virus, e poi tocchino lo smartphone, nel momento in cui se lo porteranno all'orecchio o vicino la bocca, rischieranno di infettarsi. Sono giusti degli esempi ma è fondamentale parlarne alla popolazione italiana perché ben poche persone sono abituate a tenere conto di tutti questi aspetti. Tantomeno vanno toccate ferite, anche lievi come escoriazioni proprie od altrui, perché se si hanno le mani infette, anche da tali aperture si rischia che il virus penetri nell'organismo. Quanto chiedo di aggiungere alla regola 3 in merito al fatto ad esempio che il virus penetra da ogni mucosa, compreso quella genitale se toccata con mani infette, lo insegna proprio l'ABC della Medicina, della virologia e della microbiologia.. REGOLA 4: alla regola 4 va aggiunto che quando si tossisce e starnutisce, in assenza di mascherina o fazzoletto occorre farlo nella piega del braccio. Così come è scritto ora, invece, in assenza appunto di mascherina e fazzoletto, le persone continueranno a tossire e starnutire nella mano anziché farlo nella piega del braccio (come consigliato da qualsiasi medico preparato), aumentando le probabilità di contagio. REGOLA 7: alla regola 7 va assolutamente precisato che per aumentare notevolmente la probabilità di non contrarre infezione per via respiratoria, (il virus è nelle goccioline di saliva) occorre indossare mascherina con almeno filtro ffp3. Le mascherine normali infatti, sicuramente saranno meglio che niente, ma purtroppo un virus le attraversa. Anche questa informazione è all'ABC della Medicina ed in particolare della Virologia e della Microbiologia. Inoltre è importante aggiungere al decalogo che il virus, si può depositare perché trasportato dalle goccioline di salive nei locali chiusi e molto affollati, ad esempio sulle scatole dei prodotti in vendita ai supermercati o sulla pulsantiera degli ascensori, per cui non solo le dita, ma anche andrebbero deterse anche le superficie di tali oggetti. Altrimenti toccandoli dopo essersi detersi le mani, si rischierebbe comunque di infettarsi, Non per polemizzare, non è mia abitudine. Ma mi meraviglio che nessuna delle seguenti categorie da voi elencate si sia accorta delle sopracitate mancanze nonostante dal vostro sito venga dichiarato che abbiano tutte aderito alla iniziativa dell'opuscolo. Qui parliamo dell'Istituto Superiore di Sanità, della Conferenza Stato Regioni, FNOMCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche), FOFI (Federazione Ordini farmacisti Italiani), FNOVI (Federazione Nazionale Ordini. Veterinari Italiani), CARD (Confederazione Associazioni Regionali di Distretto), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera), SIM (Società Italiana di Microbiologia), SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SIMPIOS (Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie), SITI (Società Italia di Igiene e Medicina Preventiva), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia), SIMMG (Società Italiana di Medicina Generale), ANMDO (Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere), AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), FEDERFARMA (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani). Ebbene siete assolutamente certi che ogni singola persona di tali eminenti categorie abbiano letto e approvato proprio l'opuscolo pubblicato dal vostro sito? Ve lo chiedo perchè in caso affermativo è preoccupante che nessuno di tali esperti si sia finora accorto che mancano informazioni importanti come quelle che vi sto pregando umilmente di aggiungere. Possibile che nessuno di loro vi abbia detto almeno di aggiungere che quando si starnutisce e tossisce, in assenza di fazzoletto o mascherina, va fatto nella piega del braccio o del fatto che il filtro di una maschera deve essere almeno ffp3?  Io sono nessuno, ma a differenza di tante persone in cui purtroppo ci imbattiamo spesso, ho sempre capito quello che studio, non ho mai imparato a memoria giusto per superare gli esami, e mi tengo comunque costantemente aggiornato, come sono certo facciate anche Voi e tutte le sopracitate eminenti categorie. Per cui credo che la Vostra sia stata solo una svista. Solo che converrete, si tratta di una svista grave perchè chi ignorasse quanto vi chiedo di aggiungere, infettando o infettandosi inconsapevolmente, può vanificare ogni precauzione elencata. Verificate quanto vi sto umilmente scrivendo. Vedrete che ho ragione. Appunto non per polemizzare ma per dirvi proprio la #Verità, se fossi stato io al Governo, vi avrei fatto risparmiare tempo e denaro, dicendovi subito cosa manca al vostro opuscolo. Ed in più tali regole le avrei rese immediatamente visibili nel sito, senza preamboli. Inoltre ad oggi non mi risulta neppure che tale decalogo, neanche nell'attuale forma incompleta, venga trasmesso da emittenti o radio magari all'interno delle trasmissioni più seguite, tipo reality show, talk show, programmi di gossip e quant'altro attiri maggiormente il pubblico. Lo scopo di tali regole dovrebbe essere infatti, quello di istruire la maggior parte popolazione, e di farlo prima che arrivi il contagio in Italia. Sempre sperando che non sia già silenziosamente presente, perché le persone contagiate, prima di essere ricoverate, risulta dai notiziari che avessero visitato più regioni e fossero entrate a contatto con numerose persone. Il tempo di incubazione che inizialmente era già molto lungo (15 giorni) come sicuramente saprete, secondo le ultime ricerche mediche è stato aumentato a ben 24 giorni. Ed in più si è poi scoperto che il primo sintomo non sempre è la febbre il che potrebbe significare che il numero di persone infette asintomatiche entrate in Italia, le settimane scorse, potrebbe essere maggiore di quanto si pensi. Lo scopriremo nei prossimi mesi. Se poi non dovesse succedere nulla, come tutti ci auguriamo, meglio così. Ma siccome ritengo che prevenire sia meglio che curare (tanto più che per il coronavirus, al momento, come voi stessi precisate nell'opuscolo, non esistono ancora cure), converrete con me quanto sia assolutamente prioritario insegnare alla popolazione in forma più esaustiva possibile, le regole per non contagiare e non contagiarsi Più persone saranno correttamente preparate, e maggior sarà possibile arginare l'epidemia nell'evenienza, come temono gli esperti internazionali, arrivi in parti del pianeta dove oggi fortunatamente, sembrerebbe essere ancora assente. Inoltre sarebbe anche corretto informare i contribuenti quanto è costato realizzare questo opuscolo cui mancano importanti informazioni. Mi riferisco sia al poster che al pieghevole. A tal proposito, invito i lettori a verificare l'effettiva mancanza delle informazioni sopracitate che sto pregando di aggiungere ai punti 1,3,4,7, scaricando sia il poster che il pieghevole dal sito ufficiale del Ministero: Come appunto verificato sono del tutto assenti proprio le informazioni in questione. Sono importanti perché già da sole, se ignorate dalla popolazione, rischiano di vanificare le precauzioni dell'intero decalogo. Pertanto Ministero della Sanità, con umiltà ma determinazione Vi prego di essere così gentili da aggiungere rapidamente al decalogo quanto oggettivamente mancante. Così facendo contribuirete meglio a ridurre le probabilità di contagio che si tratti di coronavirus o influenza. Grazie per la cortese e NECESSARIA attenzione. Distinti Saluti  Con rispetto e stima,  Adam Kadmon… more
Feb 18, 2020 • Edited
Image from Adam Kadmon
Image from Adam Kadmon
Fra le tante evidenti differenze tra l'Umanita evoluta e quella primitiva è che gli appartenenti alla prima cercano di salvare OGNI VITA, si impegnano per il benessere di tutti, educano al Bene, comprendono l'importanza della pace. Quelli della seconda invece pensano a salvare soltanto se stessi, disprezzano le persone buone (di cui parlano bene solo quando gli tornano utili o godono di luce riflessa altrimenti scelgono solo alleanze con persone potenti, influenti, egoiste come loro, depravate e ricche). Ma si tratta appunto di alleanze di convenienza tipiche dei predatori. Appena infatti cambiano i loro interessi o finiscono le prede, si sbranano l'un l'altro. E si vede ancor più nelle situazioni di emergenza. Non lo dico io, lo insegna la storia. Anche per questo vi ho sempre consigliato di non fidarvi e prendere le distanze da persone violente, guerrafondai, depravate, perverse, ipocrite, ed in particolare da quelle che organizzano (ad esempio sui social ma anche nella realtà fisica), azioni malvagie in branco per colpire chicchessia. Sono persone pericolose ed inaffidabili che appena non gli servite più, dopo avervi usato per le loro propagande, persecuzioni (che spesso sono veri e propri crimini), vi gettano via o ancora peggio, quando finalmente finiscono sotto processo, ricorrono per salvarsi ai loro potenti agganci, per trovare capri espiatori, scaricando così su di loro ogni loro responsabilità quali mandanti. Solo allora i loro servi capiscono l'errore fatto a fidarsi di loro. Allearsi o fare amicizia con gente che ragiona in modo egoista e perverso è veramente pericoloso, specie quando le doveste vedere capaci di compiere feroci cattiverie e poi riderci sopra senza alcun rimorso: significa prima o poi fare una brutta fine sempre a causa loro. Non è questione di "se" ma solo di "quando" getteranno i loro servi nella spazzatura se non peggio. Restate semplici come colombe ma nell'essere buoni anche prudenti, come serpenti, perchè i predatori non li riconoscete dagli abiti che indossano (molti di loro si vestono anche molto bene) ma dal comportamento che adottano, quando, dopo aver conquistato la vostra fiducia o aver appreso i vostri segreti piu intimi, cercheranno di convincervi a fare del male a chi vogliono loro ricorrendo ai pretesti più assurdi. Il male e male. Ricordatelo sempre. Per questo vi ripeto fin da bimbo (o da oltre 10 anni per chi mi ha iniziato a seguire sul web, poi in radio, tv e libri) quanto segue: Qualunque cosa accada nelle vostre preziose vite o nel mondo, restate sempre nel Bene, nella Pace, nella Tolleranza e nella Libertà ricordando che la propria libertà termina dove inizia quella altrui e che la vita e la salute sono fondamentali.   Un abbraccio ❤ x 7777  Adam Kadmon   #SITO adamkadmon.it  #BLOG 777babylon777 blogspot com  #YOUTUBE youtube.com adam777MJ #VIDEO con le istruzioni per non contagiare e non contagiarsi con influenza o coronavirus in allegato youtu.be/ZavPhetCFMA… more
Feb 18, 2020
Loading...
Error loading posts
Try Again?
Google apps
Main menu